Michel AndréI rumori dell’oceano fanno suonare l’allarme

Data di pubblicazione: 2002clockTempo di lettura: 50s
scroll-down

Il crescente rumore prodotto dalle attività umane negli oceani sta causando danni gravissimi alla fauna marina, secondo quanto dimostrato dallo scienziato bioacustico Michel André.

ubicazioneIsole Canarie; mar Mediterraneo

A suscitare la preoccupazione di Michel André sono state le collisioni fra le navi e le balene al largo delle Canarie, che per i giganteschi mammiferi sono fatali. Consapevole del fatto che l’udito delle balene potrebbe essere sensibile ai rumori prodotti dall’uomo, sottoponendo i cetacei al rischio di scontrarsi con le navi, André ha sviluppato il primo dispositivo anticollisione, il Whale Anti-Collision System (WACS), servendosi di un prototipo di boa acustica passiva realizzato grazie alla vincita del Premio Rolex.

Oggi sappiamo ancora poco di come i rumori causati dall’uomo possano interferire con la vita negli oceani, ma questa fonte di inquinamento comparsa di recente preoccupa sempre più l’opinione pubblica e gli scienziati – e, secondo i dati in nostro possesso, si tratta di una preoccupazione giustificata.

Negli anni il suo progetto si è esteso alle ricerche su come i rumori causati dall’uomo – fra cui il crescente boato prodotto da navi, trivelle, draghe, prospezioni sismiche e manovre militari – influenzino gli animali marini, e non solo quelli la cui vita dipende dai suoni. Attraverso il suo progetto LIDO (Listen to the Deep-Ocean Environment), negli oceani di tutto il mondo sono stati creati siti di osservazione sottomarina, collegati a un network che fornisce la prima vera panoramica globale dei rumori dell’oceano e dei loro effetti. André, professore di Bioacustica presso l’Università Politecnica della Catalogna e direttore del Laboratorio di bioacustica applicata, ha anche partecipato a diversi progetti sull’abbattimento del rumore finanziati con fondi europei e sta lavorando a un progetto di tutela dei delfini rosa in collaborazione con l’Istituto Mamirauá per lo sviluppo sostenibile, fondato in Brasile dallo scomparso José Márcio Ayres, anch’egli vincitore di un Premio Rolex.

  • 22

    Siti di osservazione sottomarina creati negli oceani di tutto il mondo e collegati al network LIDO

  • 15

    Aumento espresso in decibel della banda a bassa frequenza del rumore prodotto dagli uomini negli oceani negli ultimi 50 anni

Il programma

Rolex Awards for Enterprise

Scopri

Condividi questa pagina