Vreni HäussermannIl cuore selvaggio della Patagonia

Data di pubblicazione: 2016clockTempo di lettura: 55s
scroll-down

La Patagonia cilena è un dedalo di fiordi, canali e isole spazzato dal vento. La biologa ed esploratrice marina tedesco-cilena Vreni Häussermann ha dedicato la propria vita a esplorare e proteggere questo luogo fondamentale per la biodiversità.

ubicazioneCile, Patagonia

Vreni Häussermann ricorda con precisione quando è iniziata la sua passione per i fiordi della Patagonia cilena che ora cerca di proteggere. Quando vi si reca nel 1997 per un progetto di ricerca insieme al suo collega Günter Försterra (che sarebbe poi diventato suo marito), rimane profondamente affascinata dal mare burrascoso e dai ghiacciai delle montagne.

Qui, ho imparato la pazienza. Le cose non vanno sempre come noi vorremmo, per questo bisogna sempre prevedere un piano B.

Vent’anni dopo, sta ancora esplorando questa regione. Insieme alla sua famiglia, trascorre una settimana al mese presso la Stazione scientifica Huinay, di cui è direttrice dal 2003 e che è sostenuta dall’Università Cattolica di Valparaíso e dalla società energetica ENEL. Coniugando scienza ed esplorazione, cerca di spingere il pubblico a sostenere la tutela di questa regione e di sensibilizzarlo sull’inquinamento causato dall’allevamento dei salmoni e da altre attività umane, che ne stanno destabilizzando l’ecosistema. Nel 2015 e nel 2016 si sono verificate morie di massa di balene, sardine, meduse e molluschi; non è ancora stato stabilito cosa le abbia causate.

Per far sì che i cileni abbiano più a cuore il loro ambiente, Vreni Häussermann racconterà le sue spedizioni su un blog. Fino ad ora, nelle sue immersioni si è spinta solo fino a 30 metri di profondità; grazie al Premio Rolex potrà dotarsi di un veicolo telecomandato capace di raggiungere i 500 metri e riuscirà a documentare un mondo marino a oggi sconosciuto. Sulla terraferma, al Congresso internazionale sulle zone marine protette che si terrà in Cile nel 2017, verranno presentati una mostra itinerante e un documentario, parte della sua campagna per convincere le autorità a istituire delle aree marine protette all’interno dei fiordi.

  • 337

    Balene morte rinvenute dal team di Vreni Häussermann durante una spedizione del 2015

Il programma

Rolex Awards for Enterprise

Scopri

Condividi questa pagina