Claudia FehCavalli selvaggi e nomadi

Data di pubblicazione: 2004clockTempo di lettura: 0min 55s
scroll-down

I cavalli di Przewalski sono scomparsi dalle steppe mongole negli anni ’70, ma Claudia Feh ha diretto una delle iniziative volte a reintrodurli in quello che è stato il loro habitat per secoli – e ha anche migliorato la vita delle popolazioni nomadi della regione.

ubicazioneMongolia

Nel 2004, Claudia Feh, un’etologa esperta di cavalli selvatici famosa in tutto il mondo, ha allevato una mandria di cavalli di Przewalski in Francia e li ha reintrodotti nel loro habitat naturale. Ma i cavalli – che in Mongolia sono chiamati takhi e vengono considerati i messaggeri dell’uomo presso gli dei e venerati come animali sacri – non sono stati i soli a beneficiare delle sue conoscenze e del suo spirito d’iniziativa. I progetti di Claudia hanno anche contribuito a migliorare la vita delle comunità di nomadi della regione, costituendo per loro una nuova fonte di guadagno.

I cavalli selvatici mi interessano da sempre, e il cavallo di Przewalski è l’ultimo vero cavallo selvaggio al mondo.

Il progetto Wild Horse Mesh, vincitore di un Premio Rolex, ha infatti rappresentato per le comunità di nomadi e gli scienziati mongoli un’opportunità unica per condividere le loro conoscenze e per lavorare insieme alla tutela dell’ambiente all'interno di un centro informativo multidisciplinare. Ancora oggi, presso questo centro vengono organizzati forum annuali per mandriani e scuole estive per i bambini.

In poco più di un decennio la popolazione di cavalli osservata da Claudia Feh per il suo progetto è più che raddoppiata, passando da 22 a 60 esemplari. Inoltre, la classificazione del cavallo di Przewalski sulla Lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) è passata da “Estinto in Ambiente Selvatico” a “In pericolo critico” e infine a “In pericolo”. Anche grazie alle iniziative promosse in modo continuativo da Claudia, il Ministero dell’ambiente sta considerando l’attuazione di un piano generale per la gestione dei cavalli di Przewalski in Mongolia.

  • 60

    Cavalli allo stato brado in Mongolia

Il programma

Rolex Awards for Enterprise

Scopri