Iniziativa Rolex Maestro e AllievoDietro ogni grande artista c’è un grande artista

clockTempo di lettura: 1m45s
scroll-down

Trasmissione del patrimonio artistico

Rolex capisce l’arte del mentorato. Le abilità e i risultati dei nostri orologiai sono stati tramandati da una generazione alla seguente, garantendo la trasmissione delle conoscenze accumulate per oltre un secolo. Nello stesso modo, il desiderio di fare la differenza a livello mondiale che ci ha instillato il fondatore del Marchio Hans Wilsdorf ci ha spinto a dare un contributo durevole al mondo dell’arte, nel quadro del “Perpetual Spirit” che ci ha lasciato in eredità e che guida Rolex nelle sue attività e nei suoi numerosi e vari interessi.

Un contributo nel tempo

Il forte legame di Rolex con il mondo della cultura risale al 1976, quando ha iniziato ad associarsi ad alcuni dei più grandi artisti, come Dame Kiri Te Kanawa, in svariati campi dell’arte. Un progetto che si inscriveva nell’ambito del sostegno del Marchio alle persone che ne riflettono i valori di qualità ed eccellenza e che si impegnano a superare i limiti.

Nel 2002 Rolex si è spinta oltre e ha creato l’Iniziativa Rolex Maestro e Allievo, un programma filantropico di mentorato che mette in contatto artisti emergenti con maestri creativi di fama mondiale; incoraggiando queste relazioni, Rolex mira a perpetuare la trasmissione del patrimonio artistico.

Permettendo a giovani artisti di diverse discipline – architettura, arti figurative, cinema, danza, letteratura, musica e teatro – di entrare in contatto con i più grandi maestri, si offre loro il lusso più prezioso, il tempo – tempo da trascorrere insieme a un mentore, tempo per imparare, crescere e creare. L’elenco dei Maestri Rolex è straordinario e comprende fra gli altri Martin Scorsese, Margaret Atwood, Anne Teresa de Keersmaeker, David Hockney, Kazuyo Sejima, Gilberto Gil e il compianto Patrice Chéreau.

A oggi, decine di giovani artisti di tutto il mondo hanno beneficiato del privilegio di un periodo di mentorato individuale e di collaborazione con i massimi esponenti mondiali delle rispettive discipline. La poetessa Tracy K. Smith, nominata nel 2017 Poetessa laureata degli Stati Uniti, afferma che la sua collaborazione con il poeta e scrittore tedesco Hans Magnus Enzensberger nel 2010-2011 è stata “una delle cose in assoluto più soddisfacenti che abbia fatto come artista”.

Il regista israeliano Tom Shoval nel 2014-2015 si è visto catapultato sul set di Revenant - Redivivo (“un’esperienza assolutamente travolgente”) insieme al premio Oscar Alejandro G. Iñárritu. Ancora oggi, il mentorato continua a cambiare la sua vita. Anche dopo la sua conclusione ufficiale, Iñárritu ha offerto al suo Allievo aiuto e consigli.

Il Maestro viene ispirato tanto quanto l’Allievo.Martin Scorsese

L’artista figurativo congolese Sammy Baloji trova che il suo anno di mentorato con Olafur Eliasson nel 2014-2015 gli abbia dato “la libertà di esplorare e di lavorare senza limiti autoimposti”. La carriera di Baloji ha spiccato il volo: i suoi collage fotografici e le sue installazioni sono stati esposti da istituzioni del mondo dell’arte come la Biennale di Venezia e lo Smithsonian National Museum of African Art, negli Stati Uniti.

Per i Maestri, il rapporto con gli Allievi è una boccata d’aria fresca. La cantante d’opera Jessye Norman ha affiancato Susan Platts nel 2004-2005 ed è rimasta in contatto con la sua Allieva, a cui la lega un rapporto di amicizia. “Gli artisti imparavano il mestiere lavorando a fianco di qualcuno che lo praticava con maestria da molti anni: in passato si faceva così. E Rolex sta permettendo a tutti noi – perché anche i Maestri imparano – di lavorare ancora in questo modo”, dichiara Norman. “Ed è davvero incredibile”.

Il regista Martin Scorsese, Maestro della regista argentina Celina Murga nel 2008-2009, è d’accordo. “Il Maestro viene ispirato tanto quanto l’Allievo”. Anche Scorsese ha continuato a sostenere la sua Allieva, ed è stato produttore esecutivo del suo terzo film, La tercera orilla, nel 2013.

“I bravi maestri imparano da sempre dai loro allievi”, dichiara il pittore britannico David Hockney. Nel 2017, quando gli è stata dedicata una grande retrospettiva itinerante, ha accompagnato il suo Allievo, il pittore tedesco Matthias Weischer, in una visita guidata della mostra al Centre Pompidou di Parigi. “Ci interessano le stesse cose, lo spazio e le cose nello spazio. Quindi siamo rimasti in buoni rapporti. È davvero simpatico ed è uno dei migliori pittori in circolazione”.

I bravi maestri imparano da sempre dai loro allievi.David Hockney

Il rapporto fra Maestri e Allievi è favorito da un processo di selezione che individua gli Allievi che trarranno i maggiori benefici dal mentorato. Mentre i Maestri vengono proposti da un Comitato consultivo, gli Allievi sono invitati a candidarsi dopo che singole commissioni di ciascuna disciplina hanno proposto gli artisti che meglio corrispondono al profilo indicato dal Maestro. Molti Maestri desiderano collaborare con giovani artisti provenienti da una cultura estremamente lontana dalla propria.

Le coppie sono libere di scegliere in che modo preferiscono interagire e il periodo di mentorato può durare fino a due anni. Ogni Allievo riceve una borsa di studio che copre le spese di viaggio e un ulteriore contributo per la creazione di una nuova opera dopo la conclusione formale del mentorato. I Maestri ricevono un onorario per il tempo e l’energia che dedicano ai propri Allievi.

Dalla sua creazione, il Programma ha dato vita a una comunità in crescita, che riunisce artisti provenienti da tutto il mondo, dal Togo al Paraguay, dall’Honduras alla Cina, e copre diverse generazioni, culture e discipline.

La nostra visione fondatrice

Perpetual

Scopri

Condividi questa pagina