arrowLeftProgetti 2019

Vincitore Rolex Awards for Enterprise 2019

Grégoire Courtine

Secondo il ricercatore medico Grégoire Courtine, un danno alla spina dorsale non sarà più un ostacolo per continuare a camminare.

Fai conoscere gli entusiasmanti progetti dei Rolex Awards for Enterprise 2019.

In quello che sarebbe sembrato un miracolo fino a poco tempo fa, il ricercatore francese, che lavora a Losanna, in Svizzera, ha ideato un “ponte” elettronico per bypassare il punto della lesione spinale e permettere così al cervello dei pazienti di riacquisire il controllo delle proprie gambe e camminare di nuovo.

Lo scopo della ricerca di Courtine è la progettazione di un ponte neuroprotesico impiantabile che, grazie all’ausilio della tecnologia wireless, colleghi il cervello del paziente al midollo spinale lombare. Questo sistema trasmette segnali dal cervello, che controlla la volontà di movimento, alle gambe attraverso la stimolazione elettrica del midollo spinale inferiore e favorisce il recupero dei nervi spinali danneggiati.

Non smetterò mai di lavorare allo sviluppo di un trattamento per le lesioni spinali fino a quando non ci sarà una cura.

Grégoire Courtine

“Il movimento è sempre stato per me molto importante per via del mio amore per lo sport”, spiega Courtine, grande appassionato di arrampicata e di sport estremi. “Ecco perché ho deciso di studiare in che modo il cervello controlla il movimento”. Un incontro casuale con un giovane atleta paralitico in sedia a rotelle ha cristallizzato la sua determinazione a trovare una soluzione.

Courtine, 42 anni, ha di recente aiutato tre uomini paralitici da molto tempo a tornare a camminare: non solo ora possono stare in piedi, ma anche percorrere brevi distanze con le stampelle. La sua prossima sfida consiste in uno studio clinico che veda il coinvolgimento di tre pazienti paralitici da circa un anno: grazie al ponte e a un’imbracatura sospesa, impareranno pian piano a camminare di nuovo.

Questo esperimento stabilirà il quadro tecnologico e concettuale per lo sviluppo di un’interfaccia cervello‑spina dorsale completamente impiantabile, che potrebbe un giorno diventare un trattamento medico comune per chi, a causa di lesioni spinali, non cammina più.