Sabine CotteManuale per la salvaguardia del patrimonio del Bhutan

Data di pubblicazione: 1996clockTempo di lettura: 35s
scroll-down

Durante un’escursione in Bhutan nel 1992, la restauratrice d’arte Sabine Cotte è rimasta colpita dalla bellezza degli antichi monasteri-fortezza e dai templi di questo piccolo paese, ma anche dalle crepe nei muri degli edifici e dai danni alle fondamenta.

ubicazioneBhutan

Dopo aver vinto il Premio Rolex nel 1996, Sabine Cotte e l’architetto David Nock hanno intrapreso un intensivo viaggio di ricerca di otto settimane in Bhutan per visitare 17 siti, da templi di piccoli villaggi a monasteri dall'architettura più elaborata. II viaggio ha fruttato un’ampia relazione sui siti visitati, con suggerimenti presentati al governo bhutanese per garantire la futura preservazione dei templi e delle loro opere d’arte, fra cui pitture murali, stendardi dipinti e statue.

Ho cercato di non presentarmi come l’esperta straniera che impartiva istruzioni. I monaci sono ovviamente fieri del loro splendido patrimonio culturale ed è bello averli aiutati a preservarlo.

Nel 2000 Cotte ha pubblicato l’Handbook of Preventive Conservation for Dzongs and Lhags (Manuale pratico di conservazione preventiva di dzong e lhakang) in inglese e in lingua dzongkha. Il manuale è ancora usato in Bhutan e il Centro Internazionale di Studi per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali lo ha reso disponibile online. Anche il Museo Nazionale del Tessuto del Bhutan ha tratto ispirazione da questo manuale per il restauro dei suoi tessuti. Nel 2008 Cotte ha reclutato alcuni studenti di architettura del Khwopa College in Nepal per documentare le pitture murali. La preparazione dell’esame finale consisteva anche nella creazione di un manuale simile. Da allora Cotte ha organizzato workshop sull’Himalaya, ha partecipato a progetti di conservazione sostenibile, ha formato vari studenti di conservazione dei beni culturali a Taiwan e ha pubblicato diversi saggi in giornali del settore.

Attualmente Cotte lavora in Australia come restauratrice d’arte.

Il programma

Rolex Awards for Enterprise

Scopri

Condividi questa pagina