Jo ThompsonStregata dai bonobo

Data di pubblicazione: 2004clockTempo di lettura: 50s
scroll-down

Affascinata dai bonobo fin dall’infanzia, per anni la statunitense Jo Thompson si è dedicata alla salvaguardia di queste “affascinanti” creature nella Repubblica Democratica del Congo e ha guidato ricerche sul campo e iniziative per proteggere l’ambiente coinvolgendo le comunità.

ubicazioneRepubblica Democratica del Congo

Il Congo è l’unico paese al mondo in cui i bonobo vivono in libertà. Di tutte le specie viventi sono fra i nostri parenti più prossimi, hanno una predisposizione a camminare eretti e a comunicare fra loro e condividono con gli esseri umani molte espressioni facciali. Ritenuti i più rari fra le grandi scimmie, la loro sopravvivenza è messa a repentaglio da diverse minacce.

Sono i bonobo che mi hanno portata nella Repubblica Democratica del Congo, ma non sono l’unica ragione per cui continuo a tornarci. Le persone, le comunità, in generale oggi esercitano un’attrazione molto più forte perché a me, di fatto, l’ambiente interessa nella sua interezza.

L’antropologa e primatologa Jo Thompson ha dedicato la sua vita ad aiutarli. Per proteggerli dai bracconieri e dalla distruzione del loro habitat, ha istruito gli abitanti del luogo – i lyaelima – sulla salvaguardia dell’ambiente e ha lavorato insieme alle autorità congolesi per creare basi di ricerca per ampliare la comprensione dell’ecologia delle scimmie. Nel 1992 ha avviato il Lukuru Wildlife Research Project, un programma per la salvaguardia dei bonobo che ha resistito nel tempo nonostante anni di disordini, spesso violenti; nel 1998, poi, ha comprato 34 chilometri quadrati di terreno vergine e ha dato vita alla Riserva faunistica Bososandja.

Nel 2004 i suoi sforzi per permettere ai primati e agli uomini di vivere in armonia le sono valsi un Premio Rolex. Far convivere cacciatori e animali a rischio di estinzione potrebbe sembrare la ricetta per il disastro, ma lei crede che i lyaelima, anziché essere la più grande minaccia per la sopravvivenza delle scimmie, potrebbero essere la loro unica speranza.

Jo Thompson, che dirige tuttora il progetto Lukuru, si reca in Congo due volte all’anno dall’Ohio, dove vive, insegna, scrive e raccoglie fondi per il progetto.

  • 30.000

    Numero stimato di bonobo nella Repubblica Democratica del Congo

  • 600

    Bonobo che vivono nella Riserva faunistica Bososandja creata da Jo Thompson nel 1998

  • 7 anni

    Età che aveva Jo Thompson quando ha identificato per la prima volta un bonobo, erroneamente descritto come scimpanzé in un libro del Dottor Seuss

Il programma

Rolex Awards for Enterprise

Scopri

Condividi questa pagina