Peter KnightsStop agli acquisti

Data di pubblicazione: 1998clockTempo di lettura: 45s
scroll-down

Molte iniziative per la salvaguardia degli animali puntano a fermare i bracconieri e proteggere gli habitat naturali, ma l’ecologo britannico Peter Knights si propone invece di convincere le persone a non comprare prodotti ottenuti da animali a rischio di estinzione.

ubicazioneCina

I messaggi di WildAid, il cui obiettivo è di “porre fine al commercio illegale di animali selvatici nel nostro tempo”, raggiungono milioni di persone. Peter Knights, che si descrive come un ambientalista non convenzionale, è il co-fondatore e il responsabile amministrativo dell’organizzazione. Nel 1998 ha vinto il Premio di Merito per aver guidato il primo programma internazionale che punta a eliminare la richiesta di sottoprodotti provenienti da animali a rischio di estinzione. Da qui è sorta WildAid, che ha adottato uno slogan graffiante: “Stop agli acquisti, per fermare il massacro!”.

Per ridurre la caccia di frodo dobbiamo ridurre la richiesta di prodotti ricavati dagli animali selvatici. Con la nostra campagna, condotta da icone locali come Jackie Chan e Yao Ming, abbiamo ottenuto spazi pubblicitari per il valore di oltre un miliardo di dollari e contribuito a ridurre il consumo delle pinne di squalo del 50-70% e a dimezzare i prezzi dell’avorio.

L’originale campagna condotta da WildAid contro la domanda dei consumatori, che è alla base del bracconaggio, è valsa a Knights il sostegno degli ambientalisti e di icone del calibro di Jackie Chan, il principe William d’Inghilterra, Jane Goodall, Sir Richard Branson, Lupita Nyong’o e Yao Ming. “Quando andiamo in onda sulla TV di Stato in Cina o sulla TV nazionale in India, raggiungiamo un pubblico enorme”, spiega Knights, che cerca di convincere i principali media a concedere spazi gratuiti a WildAid.

Knights ha dimostrato che la strategia dell’organizzazione di dare risalto alle specie più carismatiche sta facendo la differenza, cambiando la mentalità delle persone su larga scala: “Si stima che negli ultimi due anni il consumo di pinne di squalo sia calato del 50-70% in Cina, e di oltre il 30% in altre regioni dell’Asia. La consapevolezza in merito al bracconaggio degli elefanti e dei rinoceronti in Cina è cresciuta del 50%.”

  • 200 milioni di dollari

    Valore approssimativo medio del supporto pro-bono fornito a WildAid dai media in un anno

  • 33.000

    Numero stimato di elefanti uccisi in Africa ogni anno per le loro zanne. WildAid sta conducendo una campagna contro il commercio dell’avorio

  • 100

    Numero di attori, atleti e musicisti famosi divenuti ambasciatori di WildAid

Programma

Rolex Awards for Enterprise

Scopri

Condividi questa pagina