Sarah ToumiFermare l’avanzata del Sahara

Data di pubblicazione: 2016clockTempo di lettura: 50s
scroll-down

Sarah Toumi è tornata in Tunisia, terra d’origine di suo padre, determinata a rigenerare la terra colpita dalla desertificazione e a ridurre la povertà mediante l’introduzione di pratiche agricole sostenibili.

ubicazioneTunisia

La riduzione delle precipitazioni e periodi di siccità sempre più severi minacciano di trasformare tre quarti dei terreni agricoli tunisini in deserto. Avendo osservato con i suoi occhi la degradazione del suolo tunisino durante i suoi viaggi con il padre nell’est del paese quando era ancora una ragazzina, Sarah Toumi ha deciso di fare qualcosa per risolvere il problema.

Nel 2012, si è trasferita dalla Francia in Tunisia, dove ha fondato Acacias for All, un’impresa sociale che riunisce gli agricoltori in cooperative e li incoraggia a piantare coltivazioni più idonee alle condizioni ambientali in mutamento, oltre ai tradizionali ulivi e mandorli. L’iniziativa promuove inoltre l’applicazione di nuove tecnologie per il trattamento dell’acqua e l’impiego di prodotti e fertilizzanti naturali al posto dei pesticidi.

Negli ultimi dieci anni, i ricchi agricoltori hanno perso molti soldi e nel giro di un altro decennio saranno poveri. Ho capito che bisogna arrestare la progressione del deserto.

Centrale nel programma di Sarah Toumi è l’acacia, un albero robusto le cui lunghe radici portano in superficie elementi essenziali quali azoto e acqua dolce, rivitalizzando il terreno e prevenendo una sua ulteriore erosione e salinizzazione. La gomma arabica estratta dall’acacia, insieme alla polvere di moringa ricavata da un’altra pianta, possono rappresentare una fonte di reddito per gli agricoltori. Sarah Toumi stima che piantando venti specie di alberi, verdure e piante medicinali su un ettaro di terreno, gli agricoltori possano guadagnare fino a 30.000 dollari all’anno.

Nel settembre 2016 Sarah Toumi e la sua organizzazione avevano già aiutato gli agricoltori locali a piantare oltre 130.000 alberi di acacia in venti aziende agricole pilota. Il suo obiettivo è di piantarne dieci volte tanti nei prossimi due anni, rendendo nuovamente fertili 50.000 ettari di terra, e di estendere il programma all’Algeria e al Marocco.

  • 130.000

    Acacie piantate in 20 aziende agricole pilota nel 2016

  • 3 milioni

    Acacie necessarie per proteggere le terre coltivabili in Tunisia

Il programma

Rolex Awards for Enterprise

Scopri

Condividi questa pagina